TIRANNIDE indistintamente appellare si debbe ogni qualunque governo, in cui chi è preposto alla esecuzion delle leggi, può farle, distruggerle, infrangerle, interpretarle, impedirle, sospenderle; od anche soltanto deluderle, con sicurezza d'impunità. E quindi, o questo infrangi-legge sia ereditario, o sia elettivo; usurpatore, o legittimo; buono, o tristo; uno, o molti; a ogni modo, chiunque ha una forza effettiva, che basti a ciò fare, è tiranno; ogni società, che lo ammette, è tirannide; ogni popolo, che lo sopporta, è schiavo.

Vittorio Alfieri
(1790)


venerdì 22 novembre 2013

MART di Rovereto. Antonello da Messina. L'altro ritratto



Nella seconda metà del Quattrocento Antonello da Messina incarna l’incontro-scontro tra la scuola fiamminga e quella italiana. Il Mart di Rovereto dedica un’ampia esposizione al grande pittore del Rinascimento e ai suoi contemporanei.


Valerio Magrelli

Antonello da Messina


Ero arrivato per contemplare un sorriso ambiguo, riparto avendo negli occhi un atroce spasimo. Due sono i sorrisi che hanno segnato la storia dell’arte, entrambi composti da italiani. Se il più celebre e quello femminile della Gioconda leonardesca, il piu beffardo e forse quello maschile dell’Ignoto marinaio, dipinto da Antonello da Messina tra il 1460 e il 1470. Stando a un poeta come Paul Valéry, nel primo quadro il pittore di Vinci, fisico e “idraulico”, metteva a frutto lo studio sui mulinelli delle acque, per cogliere il segreto dell’espressione umana: il gorgo come la linea di un sorriso, appunto. Nel caso di Antonello, la cui vita resta al contrario assai lacunosa, è probabile invece che l’artista abbia lasciato il compito di studiare il moto dei liquidi al suo soggetto, certo più adatto di lui…

Ma torniamo all’affermazione iniziale. Ero dunque partito per la mostra su Antonello da Messina organizzata dal Mart di Rovereto, dalla Regione Siciliana e dalla casa editrice Electa. Il progetto espositivo, a cura di Ferdinando Bologna e Federico De Melis (con la collaborazione di Maria Calì e Simone Facchinetti, catalogo Electa), indaga la figura del sommo pittore all’interno del suo tempo. La mostra nasce dai prestiti di alcune fra le più importanti istituzioni culturali italiane e straniere. Eppure, malgrado il dispiego di forze, a un simile tesoro manca proprio il Ritratto dell’Ignoto marinaio. Esso fornì titolo e tema a uno dei migliori romanzi di Vincenzo Consolo, il narratore siciliano spentosi l’anno scorso. L’opera, uscita nel 1976, ha alcune toccanti pagine sul dipinto: «Tutta l’espressione di quel volto era fissata, per sempre, nell’increspatura sottile, mobile, fuggevole dell’ironia, velo sublime d’aspro pudore con cui gli esseri intelligenti coprono la pietà».

Ecco cosa aspettavo di vedere. E invece, niente. Deluso come solo un dilettante che si trovi senza più punti di riferimento (sebbene ovviamente abbagliato da capolavori vertiginosi come l’impressionante, leggendaria Annunciata), mi chiedevo che fare, finché ho scelto di affidarmi alla mostra. Ed e così che sono giunto a accettare l’inatteso passaggio dal sorriso assente (a causa di complessi problemi amministrativi) allo spasimo presente. Ma andiamo con ordine.


Il percorso parte dalla formazione di Antonello, avvenuta, dopo Messina e Palermo, nella Napoli di Alfonso d’Aragona, tra esperienze provenzali-borgognone e fiamminghe. Qui il giovane svolse il suo apprendistato presso il pittore partenopeo Colantonio, entrando in contatto con le ricerche del grande pittore e miniatore francese Jean Fouquet. A metà Quattrocento, la pittura europea è costituita da un crogiolo di scuole, che si influenzano fra di loro grazie all’ininterrotto viaggiare di opere e artisti.

In tale fervore di scambi e ibridazioni (nota Federico De Melis nel ricco dialogo fra i curatori che apre il catalogo), «Antonello si fa interprete di un fermento creativo mediterraneo ed europeo incentrato sull’incontro-scontro tra la civiltà fiamminga e quella italiana». Se quasi certamente non si spinse fino nelle Fiandre, come voleva Vasari, il pittore siciliano trascorse più di un anno a Venezia, dove conobbe Bellini.

Ad ogni modo, spiega un decano della critica quale Bologna, l’incontro che più marcò il suo sviluppo rimane quello con Piero della Francesca.

Il valore di Antonello, insomma, nacque dalla capacità di armonizzare la costruzione prospettica degli italiani, con gli effetti cromatici e micrografici dei fiamminghi (si pensi alla loro ossessiva cura del dettaglio). Ultima tappa del suo itinerario fu la Milano sforzesca, in cui si andavano affermando le nuove ricerche di tipo spaziale condotte dal giovane Bramante. Ed è stato proprio qui, nella parte finale, davanti al Cristo alla colonna, che il sorriso inutilmente cercato si è trasformato nell’inatteso, stupefacente spasimo di cui dicevo (e che porta infine, sia pure abusivamente, a un altro libro di Consolo,Lo spasimo di Palermo).

Secondo Bologna, la tavoletta si differenzia radicalmente dalle precedenti opere dell’autore. «Anzi, rappresenta una svolta: non è più l’Antonello à plomb; e un Antonello pienamente ruotante». Qui davvero il dolore si fa forma, pura torsione volumetrica, elicoidale. Le gocce di sangue e le lacrime, lo sguardo sofferente e il volto alzato, già annunciano una nuova stagione cui la prematura morte, nel 1479, impedirà al maestro di Messina di partecipare.



Rispetto alle tre precedenti mostre antonelliane (Messina 1953 e 1981, Roma 2006), i punti di forza del nuovo allestimento sono dunque da un lato l’accento posto sulla produzione giovanile,dall’altro l’ipotesi di una profonda influenza esercitata sull’artista da Piero della Francesca. Non si può tacere, però, dello stupore che l’iniziativa ha sollevato per via del museo che l’accoglie. Per alcuni, cioè, sarebbe incongruo che il Mart, delegato a indagare l’arte moderna, si occupi di arte quattrocentesca. “Invasione di campo”? Ben venga ogni invasione del genere, se preparata con una tale cura, visto che, accanto all’esposizione di Antonello, la stessa direttrice del Mart, Cristiana Collu, ne ha ideata una seconda, L’altro ritratto,curata dal filosofo francese Jean-Luc Nancy (autore, nel 2000, del saggio Il ritratto e lo sguardo).

Sempre nell’allestimento di Giovanni Maria Filindeu, scorrono tele, foto e sculture di alcuni fra i più noti autori contemporanei. Niente, però, fa effetto quanto i severi video in bianco e nero, incorniciati come fossero quadri, di Fiona Tan. Infatti, ancora intrisi dei timbri antonelliani, restiamo stupiti a osservare l’uomo che taglia una mela. E davanti alla luce radente di questo ritratto filmato, ci ritroviamo a chiederci quanto possa avere influito sull’autrice la lezione fiamminga di un van Eyck.

(Da: La Repubblica 11 ottobre 2013)


Antonello da Messina
 Mart, Rovereto
05 ottobre 2013 / 12 gennaio 2014